Come cucinare Kottu

Il Kotthu Rotti, è tra i piatti simbolo dello Sri Lanka, è una pietanza a base di rotti (pane non lievitato) mescolato su una piastra bollente insieme a verdure, uova e, su richiesta, formaggio. Viene di solito consumato per cena da gente di ogni classe sociale che, ormai abituata, sembra non fare più caso al ritmo incalzante che ne caratterizza la preparazione: speciali palette, utilizzate appositamente per questa ricetta vengono sbattute sulla piastra dalle mani abili del cuoco al fine di sminuzzare gli ingredienti che lo compongono.

Ingredienti:

210 g di farina integrale
100 g di farina bianca
200 g di acqua calda
sale q.b.
burro fuso q.b.
insalata bianca (tipo iceberg) tagliata fine
1 porro tagliato fine
peperoncino in polvere (facoltativo)
olio vegetale q.b.
olio piccante (facoltativo)
2 uova
cipolla rossa tagliata a fette q.b.
carota q.b.

Preparazione del Roti:

Mescolare la farina integrale e la farina bianca, aggiungere il sale, l’acqua calda e impastare con le mani. L’impasto dovrà risultare molto morbido, a questo punto ungersi le mani con l’olio e ungere anche la terrina e continuare a impastare, così l’impasto si staccherà dalle mani e dalle pareti della ciotola, per poter formare una palla. Lasciare riposare per qualche ora o almeno una ventina di minuti. Formare una dozzina di palline tutte uguali di circa 4 cm e tenerle coperte per non far seccare la superficie. Stendere con il mattarello una pallina alla volta, formando dei dischi di 1 mm di spessore e cuocere sul testo caldo (o padella antiaderente). Durante la cottura si creeranno delle bolle, premendo con una paletta sui bordi del pane, si dovrebbero gonfiare fino a formare un palloncino (non sempre riesce). Rigirare un po’ di volte il pane con una spatola, cuocendo 1 minuto per lato circa e quando è pronto metterlo in un cestino per pane. Spennellare con del burro fuso e coprire con un panno per trattenere il calore e l’umidità.

 

Preparazione del Kotthu:

Disporre due o tre manciate di insalata sulla piastra bollente preventivamente oliata. Aggiungere il porro a piacimento, un cucchiaio grosso di sale, peperoncino in polvere, olio e uova. Fare soffriggere il tutto finché le uova non rapprendono e quindi aggiungere il Roti già sminuzzato ( tagliatene 2 o 3 a striscioline). Versateci sopra un cucchiaio di olio peccante e quindi cominciate a sminuzzare. Ovviamente in mancanza degli utensili specifici dovrete ingegnarvi per trovare qualcosa di simile che assolva alla stessa funzione. Condite con qualche fetta di cipolla cruda e carota  e quindi servite. Le porzioni locali di solito sono abbondanti, abbastanza per sfamare due o tre persone.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *